Peloponneso cosa vedere: Penisola del Mani

Il nostro viaggio nel Peloponneso per raggiungere la penisola del Mani e le isole di Elafonisos e Kithira, inizia da Kalamata, che grazie al suo aeroporto è il punto di partenza ideale e si può raggiungere con volo diretto da Bergamo. Non ci soffermiamo in questa zona perché la prima parte del nostro tour di cosa vedere nel Peloponneso si concentra nella penisola del Mani, il “dito medio” tra il golfo di Laconia e la Messenia.

Come posso descrivere la bellezza di questa penisola? Il Mani è selvaggio, è terraferma ma quando sei lì hai la sensazione di essere in un territorio distaccato e lontano, in un’isola particolare e diversa. Lo si scopre un po’ alla volta, perché tra le montagne brulle, la pietra e gli ulivi sono nascosti luoghi incredibili. Ho trovato solo una spiaggia attrezzata per cui ricordatevi di acquistare un ombrellone e di non avere aspettative da super turista modaiolo.

Le case che troverete sono fatte di pietra, proprio come la terra che le circonda e sembra di essere lontani, in un tempo che non esiste più, sospesi tra il mare e una realtà che forse sta scomparendo.

peloponneso mare
Chiesa di Pounta

5 motivi per una vacanza nel Peloponneso tra mare e isole

  1. È un viaggio nel passato tra storia e tradizione
  2. Una vacanza diversa, dove le spiagge non sono le uniche protagoniste
  3. Scoprirete una Grecia inaspettata e ancora poco esplorata
  4. Nuoterete in uno dei mari più belli del Mediterraneo
  5. E’ un viaggio all’insegna della libertà

Peloponneso cosa vedere: Penisola del Mani

Per scoprire cosa vedere nel Peloponneso decidiamo di dormire ad Aeropoli, che è la città principale del Mani e permette di esplorarlo da nord a sud. Il centro del paese è molto carino, gli edifici di pietra sono stati in gran parte sistemati, ci sono piazzette, piccole vie piene di fiori e qualche negozietto per apprezzare l’artigianato locale.

peloponneso cosa vedere
Aeropoli

La prima tappa è Limeni, un piccolo insieme di case che si affaccia su una bellissima baia. A Limeni si respira l’amore, il mare è così trasparente che le barche sembrano sospese, gli oleandri rosa fanno da cornice a questo scorcio che appare come un quadro perfetto. Non c’è spiaggia, ci si butta in mare da dove si preferisce, non ci sono regole nel Mani. Troverete due taverne sul mare, vi potrete sedere praticamente sfiorando l’acqua, i bambini accanto a voi pescheranno le sardine perché i pesci sono proprio lì, ad un passo da voi e allora vi accorgerete che tutto è senza confusione, senza rumore, senza superfluo.

Limeni penisola mani
Limeni

Lasciata Limeni vi consiglio di fermarvi a Kato Mezapos Beach. La piccola spiaggia di ciottoli è il luogo perfetto per rilassarsi, se riuscite andate all’ora del tramonto. Vedrete arrivare qualche pescatore, la gente del posto uscirà dalle proprie abitazioni per rinfrescarsi con un bagno in mare e il sole si appoggerà all’orizzonte colorando di rosa e d’oro le acque calme di Mezapos.

Mezapos
Kato Mezapos Beach

Sempre a Mezapos troverete un’altra spiaggia di ciottoli un po’ più grande, la Chalikia Beach. Vi consiglio poi di fermarvi a cenare proprio lungo le vie di questo piccolo borgo. Noi abbiamo mangiato direttamente a casa di un pescatore, ovviamente non c’è menu ma quello che ha offerto il mare nella pesca di giornata.

Arriviamo poi a Gerolimenas, luogo del passato, dove il tempo si è fermato, dove puoi ancora percepire la lentezza dei ritmi di un paese di pescatori. Gerolimenas è un piccolo porticciolo, case di pietra si affacciano sul mare, una spiaggetta ti accoglie per farti rinfrescare in un mare limpido e pieno di pesci. Ci sono due taverne, qualche barca dei pescatori, alcune case sono abbandonate ma tutto è ancora abbastanza preservato. Il luogo è così magico che decidiamo di tornarci una sera per cenare, se ci riuscite fatelo anche voi, l’atmosfera è unica.

gerolimenas mani
Gerolimenas

Proseguendo nell’esplorazione del Mani ci fermiamo anche ad Almiros Beach. Una spiaggia che vediamo dall’alto, c’è solo una persona che sta facendo il bagno, il mare è così incredibilmente trasparente che non riuscirete a non fare una sosta.

penisola del mani
Almiros beach

Saliamo le montagne e arriviamo a Vathia, un luogo suggestivo ma abbandonato da dove potrete ammirare un panorama incredibile sul mare. Vathia è un paese che è stato completamente ristrutturato, probabilmente per farne un albergo diffuso, ma poi il progetto non deve essere andato a buon fine. Camminare in mezzo a queste case di pietra dà una sensazione un po’ strana, è un paese fantasma ma allo stesso tempo intatto e meraviglioso.

vathi
Vathi

L’ultima spiaggia che visitiamo è Marmari beach, nel sud del Mani. Questa è l’unica spiaggia di sabbia, la troverete sola in mezzo alla terra brulla. Sopra la spiaggia è stato costruito un resort molto bello, perché si mimetizza alla perfezione con l’ambiente circostante e potrete pranzare lì o finalmente stendervi su una sdraio. Il fondale dell’acqua è molto basso e graduale, certo non ha lo stesso fascino delle piccole spiaggette di ciottoli però è piacevole trascorrerci qualche ora.

Peloponneso cosa vedere: Elafonisos

Peloponneso cosa vedere come isole? La prima isola è Elafonisos. Lasciato il Mani ci avviciniamo a Githio, un paese che non ho trovato interessante ma è stato solo una sosta per il pernottamento per poi proseguire fino a Neapoli, dove ci imbarchiamo a Pounta per raggiungere la bellissima Elafonisos.

Il viaggio in traghetto dura un quarto d’ora, e il fondale è talmente basso che già si vede l’incredibile colore del mare. Nel tragitto troverete anche una bellissima chiesetta, che sola e bianca si erge in una lingua di terra.

A Elafonisos c’è solo un villaggio, poche case, pochi locali ma incredibili spiagge. L’isola è selvaggia, la macchia mediterranea invade il terreno, ma le spiagge sono di sabbia fine e il fondale degrada lentamente.

La spiaggia di Simos è a sud-est dell’isola ed è veramente grande. Quando arriverete sarete abbagliati dal colore del mare, dal contrasto tra l’incredibile blu e il bianco della sabbia. Inoltre questa spiaggia è divisa in due parti da un piccolo promontorio e una lunga lingua di sabbia si trova proprio in mezzo al mare. Simos Beach è considerata una delle più belle spiagge del Mediterraneo, una perla caraibica nel nostro mare.

peloponneso cosa vedere
Elafonisos

Oltre a Simos ci sono altre due spiagge, entrambe di estrema bellezza e sicuramente meno frequentate anche se vi assicuro che pur essendoci andata in pieno agosto l’affluenza di persone è del tutto limitata.

Elafonisos isola
Spiagge di Elafonisos

Lasciata la splendida Elafonisos ci siamo poi imbarcati direttamente da Neapoli verso l’isola di Kithira, un altro paradiso nascosto a cui ho dedicato un intero articolo.

Altre cose da vedere nel Peloponneso

Se come noi volete poi proseguire fino ad Atene vi consiglio di non perdere il sito archeologico di Mistra, vicino a Sparta. Questa città fortificata e abbandonata ospita numerose chiese Bizantine (alcune delle quali ancora presentano degli affreschi) ed è stata dichiarata patrimonio dell’Unesco.

Mistra
Mistra

Un’altra tappa interessante lungo il percorso è Nafplio, una delle città più belle del Peloponneso. E’ molto turistica ma con una propria identità, troverete bei viali, palazzi in stile veneziano, negozi di artigianato, ottime taverne e bellissime piazze.

0

You might also like

No Comments

Leave a Reply